Alla fine… Mi sono iphonizzato


E’ da molto tempo che penso di cambiare telefono.. eppure..

Dall’anno scorso, più o meno in questo periodo mi regalarono un modello vecchissimo, ma considerato da tutti… un MULO!!

Lo uso da ormai un anno, e devo dire che ha tutti i pregi di un mulo.. a cominciare dalla batteria che sfiora la carica perpetua: puo’ stare acceso giorno e notte anche per una settimana :)altro grande pregio la ricezione, poi sicuramente la robustezza, insoma, davvero un mulo!! E’ un Nokia 3220!


Chi  conosce le mie attitudini e le mie manie tecnologiche (ad esempio sonia),si è meravigliata di vedermi con un oggetto così anacronistico addosso e soprattutto per così tanto tempo.
Per scoprire il motivo di questa scelta bisogna tornare indietro di un paio di anni (telefoni)fa, quando abbandonai il glorioso nokia 6150 in cerca di qualcosa di tecnologicamente più avanzato.dopo un approfondita ricerca sulle funzionalità più cool,trovai un sony ericsson (purtropppo non ricordo la sigla e non ce l’ho più m ricordo che era uno dei primi ad avere il marchio delle 2 compagnie appena fuse)che aveva tutte le funzioni che cercavo.
Le prime delusioni arrivarono presto:il difetto più eclatante,che nessun data sheet ti dice è la velocità: una lentezza estenuante anche solo per passare da un menù all’altro.tra le fumzionalità nuove mi sono subito scontrato con i limiti degli mms(qualità delle immagini,complessità nella composizione oltre alla scarsa diffusione di amici con tale supporto.

Insomma avevo un comcentrato di funzionalità praticamente inutilizzabile,che rendeva perfino difficile telefonare.per questo motivo tornai presto al mio vecchio nokia.

Qualche mese dopo, per questioni lavorative ricevetti in uso un fiammeggiante Ipaq 6500.

Avevo giù posseduto un ipaq, ma quando ancora era solo un Palmare, ed era ancora marchiato Compaq, pagato 1 milione e seicento mila lire (mi fa impressione pronunciarlo ora), lo avevo usato circa 3 mesi, poi ci avevo installato familiar linux con opie, ma confesso che è rimasto un acquisto più emozionale che utile.

Questo Ipaq era tutta un altra cosa, anzitutto era un telefono, con supporto bluetooth Sd e mini-SD, pocketPC 2003, internet fotocamera, filmati e videochiamate.. insomma, tutto quello che potessi desiderare, mancava solo il wi-fi, ma un mio amico mi ha poi fornito una scheda apposta che si agganciava all’adattatore SD.

Questo concentrato di tecnologie, mi ha progressivamente esaltato, disilluso, demoralizzato,esasperato!

Anzitutto pocket PC, lento, bacato, dovevo riavviarlo almeno una volta ogni 2 giorni all’iniziom una volta ogni 2 ore dopo 6 mesi. Per Internet non avevo fatto un contratto speciale e quindi mi costava davvero troppo, ma comunque, con il browser fornito, non ne valeva davvero la pena.

Mi sono subito stufato del pennino, e ad usarlo con le dita si rischiava di sbagliare troppo.La scheda wi-fi funzionava, ma la ricezione era davvero scarsa, oltre che dover aggiungerla e toglierla ogni volta.

I primi guai seri iniziarono il giorno che cadde per terra: schermo nero, niente da fare. Il servizio HP è stato abbastanza veloce e mi ritorna dopo una settimana circa, tutto resettato e con la scheda madre nuova, infatti era diventato un Ipaq 6510, con la conseguente perdita di tutti i dati nemmeno recuperabiloi da backup, perchè cambiato il modello, ma questo importa poco..

Quello che mi fa passare dallo stato di demoralizzazione a quello di esasperazione è che da quel momento ad ogni piccolo sbalzo si riavviava, si spegneva, si azzerava, e anche dopo altre telefonate all’assistenza, nessuna azione sembrava ridarle la stabilità, l’esasperazione era aumentata da tutti quelli che quando mi trovavano al telefono mi dicevano di aver provato a chiamarmi altre 10 volte con il telefono sempre spento 😦

La classica “goccia” è stata un bel giorno che decisi di installare un firmware update scaricato dal sito ufficiale HP: da quel giorno, ogni volta che lo accendo devo fare la procedura di setting iniziale, che poi abortisce ed il telefono non lo usi più: un ibrick (ipaq-brick)

L’unica cosa che rimpiango ancora oggi è la tastiera: una qwerty con i tasti veri, nonostante piccolina per me è ancora il sistema migliore :))

Ed eccoci quindi arrivati al motivo del downgrade al nokia 3220: un telefono che telefona, e se cade non si rompe facilmente 🙂

La mia fame di tecnologia, anche se aveva ricevuto una pesante battuta di arresto, non poteva certo fermarsi qui, avevo ormai capito che i parametri di ricerca del mio dispositivo tascabile dovevano essere diversi, non potevo basarmi solo sul numero di funzionalità, erano necessari altri parametri, uno di questi sicuramente la robustezza!!!

Dai primi rumors in rete su android avevo deciso che quello sarebbe stato il mio prossimo dispositivo, ed ho cominciato a guardarmi attorno, anche nokia faceva cose interessanti, ed ovviamente anche apple.

Il Googofonino pero’ aveva la leadership sui miei gusti, l’unico inconveniente è che… ancora non esiste una pacchettizazione hardware+android chiamata googofonino.. all’inizio si parlava di settembre, poi per natale, ora sento parlare del 2009… non potevo resistere, il nokia dava segni di cedimento ed io volevo andare in ferie con il telefono nuovo.

Vengo quindi, per esclusione, a sapere del lancio dell’iphone (era maggio, credo) ed inizio a studiarlo.

Robusto, innovativo, GPS, browser vero e proprio.. e tutto quello che gli mancava, era tutto quello che avevo già avuto ma mai utilizzato (videochiamate, mms etc).Quando hanno rivelato gli altissimi prezzi sono sobbalzato, ma tecnologicamente era comunque la scelta migliore per me.

Quando sono andato ad ordinarlo ero comunque convinto di spendere 569 Euro per il modello a 16 GB, sono sempre stato allergico alla formula contratto, eppoi mi sembravano davvero troppi i 59 euro al mese!!

Quando sono andato, il 15 Luglio, al punto vodafone, la signorina mi dice che ha ancora a disposizione un solo esemplare ma se stipulavo uno dei contratti… vedere l’oggetto dei miei desideri li sul bancone mi ha fatto riflettere, mi sono fatto rispiegare i termini del contratto, ma alla fine sono uscito dal negozio a mani vuote.. ripetendo tra me e me… costa troppo, io il telefono lo uso molto poco..

Giunto a casa mi sono fatto una domanda che non mi ero mai fatto prima da quando posiedo un cellulare: ma quanto spendo io di telefono? ho sempre sostenuto di spendere poco, ma non ho mai fatto un calcolo preciso di “quanto”!. Presto fatto, da diverso tempo il telefono lo ricarico via internet accedendo al mio conto tramite intenet banking, quindi è facile risalire: mi collego faccio una query filtrata con “vodafone” et voila’..

Ripeto la query su 2 anni, per avere una media e viene fuori una cifra: 425 Euro!! (pensavo di meno), non so se poter continuare a dire a me e ad altri che sono uno che usa poco il telefono, ma il conto mi torno: 4 ricariche da 100 euro alll’anno è un parametro che mi torna, quindi i calcoli sono giusti.

Guardando le tariffe vodafone, se volessi navigare, dovrei aggiungere 3 Euro alla settimana con il limite massimo di 150 MB al mese, che per 54 settimane all’anno fanno 162 Euro annue, quindi spenderei 587 Euro all’anno col mio nuovo iphone.

Allora prendo i dati del contratto e faccio gli stessi calcoli: 58 Euro al mese comprendono 400 minuti di chiamate, 400 sms (che dovrebbero coprire tutte le mie esigenze) e 600 MB di traffico mensile su internet: 58 Euroi per 12 mesi fanno 686 Euro all’anno, con obbligo di tenerlo identico per almeno 2 anni.

Ecco che allora metto insieme i 2 valori:

569 Euro+ (587 per due anni) fanno 1743 per la ricaricabile (max 150 MB al mese)

269 Euro+ (686 per due anni) fanno 1641 con il contratto  (max 600 MB al mese)

SORPRESAA!

Ora.. probabilmente il tutto è ancora un po’ superficiale, è una media e i dati non sono da prendere il modo preciso, non voglio dire che ci risparmio, ma quantomeno non dovrei perderci 🙂

Volo al punto vodafone che avevo lasciato a mani vuote, ma purtroppo lo trovo chiuso, volevo dormire sullo zerbino, ma rientro a casa e ci ritorno il mattino dopo… l’ultimo iphone della partita deve essere Mio 😀

E cosi’ fu: Marcoledi’ 16 Luglio, portai a casa il mio iphone

(seguira’ nei prossimi giorni recensione più seria)

Annunci

4 thoughts on “Alla fine… Mi sono iphonizzato

  1. ho riso dall’inizio alla fine e stato bellissimo ogni commento fatto sembrava prorpio di vedere ancora la sua espressione dal vivo mentre raccontava l’accaduto…
    è un grande prof.!!!!

  2. Pingback: L’intrepido stambecco assaggia le mele « Blog Archimedico

  3. Pingback: Una passione per le mele i’m a switcher « Blog Archimedico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...