Iphone, il bello e il brutto


Dopo 15 giorni di uso (intenso) dello strumento sono qui a buttar giù qualche parere:  sarebbe stato fuorviante scrivere qualcosa dopo 2 giorni, l’entusiasmo era troppo e le aspettative altissime.

Avrei potuto glorificare, ad esempio, l’interfaccia multitouch, davvero ben pensata, la cosa che mi colpisce di più è senza dubbio l’aspetto sobrio e pulito, mimetizzando e omogeneizzando cosi’ anche le funzioni più  complesse.

Uno degli aspetti che mi ha incuriosito e affascinato di più, è il sistema di rilavamento della posizione: avevo già sperimentato il GPS su telefono, ma il problema principale è  l’illuminazione del satellite rispetto alla posizione dell’apparecchio.Quando si parla di navigatori, si parla di oggetti che stanno subito sotto al parabrezza, quindi con il cielo ben visibile, ma quando si parla di oggetti che solitamente stanno in tasca e poi in mano, localizzare un satellite puo’ risultare un operazione lunga e diventare estenuante: si finisce a girellare per la strana modello rabdomante.

Il sistema il sistema presente su iphone unisce al classico GPS, un sistema di rilevamento basato su un algoritmo che triangola tra i segnali GSM (ed eventuali wi-fi) presenti sul territorio, ottenendo cosi’ posizioni anche abbastanza accurate persino in luoghi chiusi:quando ho sperimentato questa funzionalità sono rimasto affascinato. Già 10 anni fa, il mio amico Marcello, mi diceva che tecnicamente era possibile fare un sistema di localizzazione basato su GSM, e vederlo finalmente applicato, cosi’ bene, è appagante.

Un altro aspetto che sicuramente mi ha impressionato è il browser, un VERO browser, che renderizza le pagine web come un browser per PC: non mi era mai capitato su un dispositivo tascabile 🙂

Che dire poi delle applicazioni: il sistema è semplice e diretto, alla portata di tutti ma sottende un progetto completo e lineare per il delivering, un software si aggancia alla rete (Appstore)  e presenta l’elenco di cose che si possono installare, un semplice click e lo si ritrova sul proprio PC, se l’applicazione non è free, il pagamento avviene in modo semplice e diretto: ci viene chiesto il numero della carta all’inizio della procedura (una sola volta) e poi viene prelevato da quel conto, inviandoci poi una fattura ogni 3 o 4 giorni (forse in base al livello di  attività).

In questi giorni ho letto molto in giro, soprattutto la grande polemica sui costi e mi sono fatto alcune domande:

– Perchè SOLO in Italia l’iphone è sbloccato? Ovvero si puo’ usare qualsiasi SIM (Sim-unlocked)

– Perchè in Italia costa di più che in altri paesi?

– Sono 2 cose collegate?

Prima di acquistare l’iphone avevo fatto qualche ricerca in giro, alla ricerca di un telefono con funzioni avanzate oppure un PDA che telefonasse, avevo anche ricercato tra i tabletPC in circolazione, e rimasto colpito dalle soluzioni open, ma nessuno aveva solleticato cosi’ tanto le mie aspettative, alcuni pero’ costavano uguale, se non di più, all’iphone.

Credo dunque che la politica dei prezzi sia dovuta essenzialmente a 2 fattori:

1) In Italia il telefono viene venduto sbloccato, cosi’ gli italiani sono meno incentivati a trovare un modo per sbloccarlo, e cosi’ da altri paesi possono venire a comprarlo (sovrapprezzo) ma sbloccato legalmente, ed utilizzarlo in altri paesi.

2) Se si decide di stipulare un contratto, il telefono viene venduto ad un prezzo davvero basso (rispetto ai pari livello dei competitors), facendo quindi in modo di vincolare l’operatore all’utente anzichè in modo tecnico (sim-locked) in modo commerciale (un contratto di 2 anni).

Un altra questione legata al contratto è il limite di 600 MB al mese, non vi nascondo che quando ho firmato il contratto mi sono chiesto.. ma mi basteranno “solo” 600 MB al mese? ero davvero deluso di avere un limite al traffico, io che ho sempre voluto le flat per farci quello che volevo. La prima cosa che ho fatto quando ho preso ilteelfono è stata quella di trovare il numero da fare dove ti dice quanto traffico stai consummando, in modo da tenere sotto controllo quel parametro.

Dopo i primi giorni di uso intensivo, mi sono reso contro, che il traffico che si puo’ fare da un apparecchio del genere è, in effetti, molto poco: nella prima settimana 27 MB!!!! incredibile, la settimana seguente ho iniziato ad usare il navigatore anche dall’ufficio a casa, per la gita della domenica, insomma.. sono arrivato ora , dopo 16 Giorni di utilizzo a 46 MB… e capirete certo che non mi sono risparmiato nulla: se non trovo un metodo per consumare di più non arrivo neanche a 100 MB al mese!!!!

Ora, non voglio assolutamente difendere TIM o Vodafone, ci mancherebbe (!!!), ma non ho voglia di unirmi alla massa per gridare all’ennesimo scandalo, senza prima aver valutato bene tutti i parametri e senza prima aver “toccato con mano” l’oggetto in questione.

Ma fin qui tutti lati positivi, ben presto ho dovuto fare i conti anche con i lati negativi:

Prima grossissima Mancanza… il COPIA/INCOLLA : non ci potevo credere!! come il mio solito, ho un apprendimento induttivo e non leggo ne manuali ne consigli: ci devo provare!!! nulla, non si trovava, quando mi sono deciso a chiedere a google… amara scoperta:non c’è davvero, e non c’era nella versione 1.0 e tutti l’hanno richiesto alla Apple, che sembra non sentirci: BOH!

Secondo problema: Il Digital Right (Restrictions) Managment!!

Avere 16 GB in tasca, con possibilità di sentire musica vedere filmati e tabte altre cose fa venire subito in mente che potremmo archiviarci tutte le cose che vorremmo portarci sempre dietro, ma purtroppo non è cosi’ semplice: la gestione dei Diritti si mette in mezzo, e rovina le uova nel paniere…

Con l’iphone, cosi’ come con l’ipod, è possibile immettere dei contenuti solamente sincronizzando alcune cartelle, su Computer dove è presente un certo tipo di sistema operativo (non posso usare il mio caro gibbone), dove è presente una certa versione di software(itune ver 7), che devono contenere alcuni tipi di documenti (immagini,video, musica e poco altro, non puoi copiare un file qualsiasi come su una normale chiavetta):-O

Avevo già letto il manifesto che metteva in guardia dall’atteggiamento di Apple con il nuovo iphone, ma vederlo con i propri occhi e nei minimi dettagli, è una cosa che, l’avrete già capito ormai, non posso esimermi dal fare se voglio esprimere un giudizio..

Altro difetto,anche se minore, è la durata della batteria: questo è un problema che affligge praticamente tutti i dispositivi che utilizzano wi-fi e 3G, anzi devo dire che se faccio paragoni con altri dispositivi questo potrebbe trasformarsi in un pregio anzichè un difetto, ad ogni modo, faccio un esempio chiarificatore.

Domenica parto per una gita in montagna intorno alle 10 del mattino, iphone carico al 100%, 3G attivo, vado fino in Francia e faccio circa 400 Kilometri compreso il ritorno a casa la sera. Ho scattato una sessantina di foto, ho fatto 4 o 5 twitter uploadando 1 foto ciascuno, ho usato 3 o 4 volte il sistema di localizzazione GPS con le mappe scaricate dal 3G o Edge a seconda della copertura.A rientro a casa, intorno alle 20, il telefono  era al 10% :!

(segue)

Annunci

One thought on “Iphone, il bello e il brutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...