L’intrepido stambecco assaggia le mele

Ieri, come moltissimi altri utenti, non ho resistito alla tentazione di scaricare l’ultima versione di ubuntu, la 8.10 (Intrepid Ibex).

Mentre stavo decidendo dove e come installarla, inizia a farsi largo in me un sentimento che non sentivo da diversi mesi: è infatti da diversi mesi ( da quando ho comprato l’iphone) che ho messo da parte il boot di ubuntu del mio portatile e accedo sempre con MSVista :((

Ripensandoci bene, non è stato frutto di meditazioni particolari, ma semplicemente una scelta “comoda”: l’iphone ha bisogno di itunes >> itunes non c’è per Linux >> ok, avvio Windows!!!

Questa decisione mi ha provocato, in circa 2 mesi, una tale “orchite”.. una tale esasperazione che quando ho creato il CDROM di ubuntu 8.10 mi sono quasi risvegliato dopo 3 mesi di letargo!!!

La domanda che mi sono fatto è stata: “ma ora che ho jailbreakkato il mio iphone, che me ne faccio di itunes? vorrai mica che nessun possessore di iphone aperto si sia fatto la domanda e dato una risposta?”

Ed è cosi’ che faccio 2 pasi: il primo e quello di backuppare tutti i dati della vecchia Ubuntu, e di ripartire con l’installazione da zero di quella nuova!!

Una volta fatto il boot, inizio a configurarmela a puntino, Java, flash, i codec, gcc etc etc.

Che soddisfazione… mi ero quasi scordato quant’ è bello lavorare con un sistema solido ma flessibile, friendly ma da smanettoni..

Ma ecco che arriva il bello!

Mi bastano 2 googolate et voila’:

sudo apt-get install ipod-convenience

si agganciano alcune dipendenze.. attacco il mio iphone…

meraviglioso, appare un icona sul mio desktop e posso browsare tutto il filesystem, posso entrarci in shh e quindi farci quello che voglio :))

Ora che anche il DRM non è più un problema per me, di tutti i difetti che ha l’iphone ne manca ancora uno da risolvere: VOGLIO IL COPIA/INCOLLAAAAA!!!!

Iphone App

Dopo quasi 2 mesi di utilizzo di iphone originale dove ho “assaggiato la tecnologia”, dopo quasi un altro mese di utilizzo più intensivo (jailbreak) inizia una fase di utilizzo consapevole e di reale modificazione delle mia abitudini legate all’introduzione di un nuovo canale.

Le applicazioni che ultimamente mi stanno solleticando l’appetito sono:

QIK: Poter fare streaming in diretta everywhere and anytime è davvero una bella sensazione.

Cycorder: Per salvare i video (.mov) quando non si ha una connessione stabile

PDA NET: Poter usare il telefono come connessione per il mio portatile, mi rende libero di avere internet, oltre che ovunque, anche su qualsiasi dispositivo, e cosi’ posso anche pensare di sfruttare di più i 2 GB mensili che mi mette a disposizione Vodafone.

Shozu: La possibilità di postare qualsiasi cosa (testo, immagini)  ovunque (wordpress, blogger, flicr, picasa etc etc..

Inizio a vedere con piacere che alcune applicazioni si fanno più intelligenti: sono rimasto favorevolmente colpito da dimensions, grazie alla quale possiamo avere una “cassetta degli attrezzi” sempre con noi, e non sto’ parlando di attrezzi informaztici, ma di attrazzi comuni, o quasi (calibro, livella, contapassi etc etc).

La possibilità di vedere le reti wi-fi come su un radar militare è molto interessante anche se poco veritiera.

Air Mouse, ovvero la possibilità di usare il melafonino come mouse, e istethoscope sono altre 2 applicazioni che, anche se non sono perfettamente funzionanti, sono sicuramente intelligenti e significative.

L’uscita di Google earth per iphone ha segnato il passo per una nuova ondata di applicazioni di qualità, dove ci si scorda di avere un dispositivo portatile e si pretendono applicazioni più complete.